Buon Natale, artigiani di Pace.

Carissimi,
alla Vigilia del Natale, con queste poche righe, desidero raggiungervi per ringraziarvi del servizio che prestate ogni giorno e per augurare a voi e ai vostri cari Pienezza di Vita e Pace del cuore.
Il nostro amato Papa Francesco, in occasione del Messaggio per la 52a Giornata Mondiale della Pace 2019, che si celebrerà il 1° gennaio, ci invita tutti a essere annunciatori di Pace, che non è solo «assenza di guerra e contese», ma soprattutto «integrità e pienezza di vita». Lo Shalom ebraico infatti, piuttosto che semplice auspicio di una pace ideale e futura, è invece augurio di piena realizzazione concreta del piano di Dio per la vita di ciascuno di noi.
Il Natale ci ricorda ogni anno proprio questo mistero: Dio, in Gesù, torna per dare senso pieno alla nostra vita, per indicarci la misericordia come unica via, per resettare il nostro software impazzito, liberarci dal virus dell’egoismo e della paura … e darci ancora una nuova chance di ricominciamento! Lui sa quanto difficile possa essere a volte la vita e quanto impreparati possiamo essere noi ad affrontarne gli aspetti più dolorosi e complessi, eppure oggi Dio torna ad assicurarci il suo sostegno e la sua compagnia.
Noi cristiani – ci ricorda Papa Francesco – siamo chiamati a portare la Pace al mondo assumendoci la responsabilità dell’«impegno politico» nella vita di ogni giorno, facendoci tutori e promotori del Bene comune, di processi di comunione, del disarmo delle relazioni sociali. Potremo farlo solo partendo dalla disponibilità all’ascolto degli uomini e delle donne di oggi, dall’onestà di chiamare Male il Male e Bene il Bene, di desiderare il Bene per tutti, di optare per scelte di coerenza personali e incondizionate.
Costruire la Pace non è semplice, lo sappiamo: richiede il coraggio di accogliere il rischio di fidarsi dell’altro che può tradirci, deluderci, farci del male. Eppure occorre tornare a fidarsi gli uni degli altri, perché solo coltivando relazioni aperte e fiduciose potremo recuperare la Speranza di una vita piena.
Chiudo dunque con l’augurio che questo Natale possa realmente portare Pace: in noi stessi, nelle nostre relazioni e nel nostro rapporto con il Creato che ci è stato affidato in custodia. La Pace è un lavoro artigianale, fatto di piccoli ma decisi passi. Proprio in questi giorni abbiamo lanciato la campagna #iononspreco attraverso la produzione di 10 calamite che sollecitano ad un impegno concreto per evitare gli sprechi. A tutti noi il compito di sostenerla e diffonderla per come potremo.
Buon Natale a tutti voi, Artigiani di Pace, e grazie ancora per quello che fate e che siete!
Il Signore vi benedica.

Valerio