Carissimi volontari … messaggio del Direttore

All’inizio del nuovo anno pastorale il pensiero del Direttore e dell’équipe va ai tanti volontari che animano e sostengono i servizi di Caritas Diocesana Agrigento e della Fondazione Mondoaltro.

Carissimi volontari,
un nuovo anno pastorale sta per iniziare e, con esso, si rinnova il nostro impegno a servizio degli ultimi.

Un nuovo inizio è sempre affascinante: ci aspettano nuove sfide, nuovi incontri, nuove esperienze. La vita del cristiano è segnata da un continuo mettersi in viaggio, salire sulla barca per andare incontro al Signore che chiede di essere riconosciuto in chi vive l’esperienza dell’emarginazione. Chi rifiuta il viaggio, con difficoltà potrà incontrare realmente il Signore.
Proprio quella dell’«altra riva» sarà l’icona biblica che accompagnerà il nuovo anno pastorale della nostra diocesi: i discepoli salgono sulla barca e si mettono in viaggio verso l’altra riva del lago di Gennesaret, dove Gesù ha dato loro appuntamento. Cosa ci aspetta sull’altra riva non possiamo proprio saperlo, in realtà, perché essa rappresenta proprio lo spazio dell’altro, il luogo che non ci appartiene del tutto, la periferia dell’esistenza dove le nostre sicurezze sono messe in discussione. Sappiamo però per certo che l’altra riva è il luogo in cui il Signore Gesù ha scelto di stare: se anche noi vogliamo stare con lui, allora abbiamo poca scelta … l’«altra riva» deve essere la nostra destinazione in cui fissare la residenza.
La Chiesa agrigentina, in questo anno pastorale, si educherà a rinnovarsi, riscoprendo la sua dimensione missionaria e l’impegno alla evangelizzazione, che è testimonianza di Cristo Risorto per ogni uomo. Agli operatori pastorali sarà ricordato che non ha senso una chiesa chiusa in se stessa, felice di autocelebrarsi, incapace di relazionarsi con il mondo e fare proprie le necessità dei fratelli.

Anche noi, con il nostro servizio concreto, siamo chiamati a riscoprirci annunciatori di una nuova Speranza, portatori di una «buona notizia» – questo significa «Vangelo» – per tutti: Dio si è fatto uomo-povero per noi, si è fatto nostro compagno di viaggio, ha affrontato la sofferenza e vinto la morte per sempre, ci ha spalancato le porte del Regno dei cieli. Questa certezza riempia i nostri cuori di gioia infinita e prorompente e ci dia la carica giusta per affrontare un nuovo anno di servizio!

Sappiamo però anche che su quella barca i discepoli incontrarono il vento contrario, ebbero paura, scambiarono Gesù per un fantasma e … desiderarono scendere. Pietro, scendendo dalla barca, rischiò persino di affondare. È spesso così: all’entusiasmo degli inizi segue sempre la stanchezza del viaggio e la tentazione di tornare a riva o lasciare la barca. Il servizio agli ultimi, per quanto bello sia, è anche stancante e a volte frustante (soprattutto quando facciamo esperienza del nostro limite davanti alla gravità dei problemi che la gente ci consegna): per questo è importante sentirsi «equipaggio», condividere le esperienze e unire le forze per remare nella stessa direzione e con il ritmo giusto. È proprio a questo che servono i momenti di formazione che proponiamo a tutti i volontari (sul sito www.caritasagrigento.it trovate il riferimento a «Cariting-Cantiere di Formazione 2016-2017») e ai quali vi chiedo di non mancare: crescere insieme, comprendere meglio il senso del nostro servizio in Caritas, scambiare buone prassi, sentirci una famiglia…è l’unica via per non perdere l’entusiasmo della partenza.

Comincio subito dunque con l’invitarvi a Casa San Luigi (Racalmuto), domenica 27 novembre, dalle 9 alle 13, per il nostro Ritiro di Avvento.  Sarà un momento importante per trovare le coordinate giuste per il nuovo anno pastorale. Don Mimmo Zambito ci aiuterà in questo e ci darà – a nome del nostro Arcivescovo – il Mandato al servizio.

L’altra riva ci aspetta. Saliamo sulla barca, dunque, e iniziamo a remare: c’è posto per tutti!
Buon inizio di Avvento e buon viaggio.

                                                                                                                                                                                  Valerio