Casa della pace ha un bosco

Il 21 novembre, anche a Racalmuto, si è celebrata la Giornata Nazionale dell’Albero. Per iniziativa di Caritas Diocesana Agrigento e della Fondazione Mondoaltro, a «Casa San Luigi», 70 bambini dell’Istituto Comprensivo «Leonardo Sciascia» e i giovani con diversa abilità dei Centri Padre Cipolla (Racalmuto) e Diversamente (Agrigento) hanno piantato 100 alberi offerti dall’Assessorato Regionale Agricoltura e Foreste.

La struttura, gestita dalla Fondazione Mondoaltro e già operativa come luogo di spiritualità e di carità, sarà da quest’anno anche «Casa della Pace», luogo di formazione sul temi della mondialità, della salvaguardia del creato, della costruzione di pace, della legalità e della cittadinanza europea.

«Questa piccola area boschiva – dichiara il direttore Valerio Landri – rappresenta una risposta alle sollecitazioni di Papa Francesco a riscoprire la vocazione comune alla custodia del creato. Per noi era importante dare un segno tangibile di impegno ecologico: non saremo forse noi a godere dell’ombra degli alberi che oggi piantiamo, ma ci piace pensare che questo gesto sia come una consegna a chi verrà dopo di noi e potrà goderne».

L’operazione, che ha visto anche la collaborazione del Comune di Racalmuto – presente con il suo Sindaco, Emilio Messana, e l’Assessore alla Pubblica Istruzione, Carmela Matteliano – è l’inizio di un percorso di «conversione ecologica» di Casa della Pace e dei servizi di Caritas Diocesana Agrigento. La preparazione è stata curata dai Giovani in Servizio Volontario Europeo (SVE) in servizio presso la Fondazione Mondoaltro e provenienti da Albania, Germania, Portogallo e Ucraina all’interno del progetto finanziato dall’Agenzia Nazionale Giovani.

«Piantare gli alberi – dichiara Lorena Scalzo, Ambito Mondialità di Caritas – è stato una dichiarazione di impegno verso la natura di cui siamo custodi e non padroni. La gioia vista oggi negli occhi dei bambini ci fa  desiderare di lavorare per creare nuove occasioni come quelle di oggi, per imparare dalla loro semplicità e condividere con loro il nostro impegno per un mondo migliore».