Dal deserto al giardino. Auguri di Quaresima 2019.

Carissimi amici e compagni di cammino,
una nuova Quaresima sta per condurci alla celebrazione più importante dell’anno liturgico, il Triduo Pasquale con il suo carico di mistero per la Passione, Morte e Resurrezione del Signore Gesù.

Papa Francesco, nel suo messaggio per la Quaresima, ci ricorda che «la celebrazione del Triduo Pasquale … è un dono della misericordia di Dio» perché ci ricorda che il mistero della redenzione del mondo è già operante in noi che, confidando in Cristo, siamo stati già salvati.

Questo è il tempo di rileggere la nostra vita alla luce del Vangelo, riconoscere con onestà e umiltà ciò che ci allontana dalla Felicità e scegliere di ricominciare con quella che il Papa chiama «la forza risanatrice del pentimento e del perdono».

Il digiuno, la preghiera e l’elemosina sono i tre impegni che la Quaresima ci pone davanti: mi piace pensare che siano tre sfide rivolte alla nostra abitudine a divorare cose e relazioni, alla nostra difficoltà a guardare in Alto, alla tentazione di accumulare per un futuro che avvertiamo come incerto.

Questo, in sintesi, è il tempo di recuperare la Fiducia in Dio, che è Padre provvidente e misericordioso. Il Papa ci invita a credere realmente che il pentimento e il perdono siano capaci di risanare le nostre esistenze ferite e condurci a quello Shalom che è pienezza di vita. Questo è anche il mio augurio per tutti noi: la pienezza di vita!

Passiamo dunque dal deserto di una vita spesso rassegnata e «trascinata» al giardino di un’esistenza piena di colori e profumi, capace cioè di bellezza e significato pieno.
A nome della Chiesa agrigentina, vorrei ringraziarvi per il servizio che prestate, il tempo che donate, i sorrisi con cui accogliete, la generosità che testimoniate. Siete preziosi!

Sarebbe bello incontrarvi tutti domenica 17 marzo, a Casa della Pace (Racalmuto), in occasione del Ritiro Spirituale rivolto a tutti i collaboratori e volontari di Caritas Diocesana Agrigento, della Fondazione Mondoaltro e delle Caritas parrocchiali. È un momento importante per tutti noi, perché ci aiuta a crescere nella Fede, nella Comunione e nella consapevolezza del nostro servizio. Spero davvero che riusciate ad esserci.

Grazie ancora e … a presto.
Valerio