Emergenza Maltempo

A 48 ore dal tremendo nubifragio che ha colpito la Sicilia e, nello specifico, la nostra provincia, si contano i danni del maltempo su tutto il territorio agrigentino. Tante le località messe in ginocchio dalla furia della tempesta, la quale non ha risparmiato abitazioni private, mezzi, edifici e coltivazioni. Alcuni dei sindaci delle comunità maggiormente colpite, in costante contatto col Dipartimento Regionale Protezione Civile, hanno già dichiarato lo stato di calamità naturale e quello di emergenza per eccezionale evento meteorologico. La prima somma dei danni è allarmante: sembra ammonti a più di 20 milioni di euro, riguardando soprattutto i comuni di Palma di Montechiaro, Licata, Naro, Cammarata – S. Giovanni Gemini, Sciacca, Menfi, Ribera.

Paura anche nel capoluogo agrigentino, dove il grave rischio di straripamento del Fiume Akragas ha costretto all’evacuazione di venticinque famiglie, tra i quartieri di San Leone e Villaggio Peruzzo.

Anche se è tornato il sole sui nostri territori, la situazione, purtroppo, rimane ancora critica per tante zone della nostra diocesi. Per questa ragione Caritas Diocesana Agrigento intende farsi prossima alle parrocchie e alle famiglie colpite, attivando un servizio di ascolto ad esse dedicato.  La richiesta di aiuto dovrà avvenire tramite i parroci e le Caritas parrocchiali, ai quali chiediamo di segnalare al Centro di Ascolto Diocesano (centrodiascolto@caritasagrigento.it – 0922.20455) eventuali necessità di intervento perché ci si possa immediatamente attivare.

E in un momento drammatico per il nostro territorio, il nostro pensiero va soprattutto alle famiglie delle vittime del maltempo, le quali hanno perso i loro cari.