Muri e frontiere – GIORNATA MONDIALE DEL RIFUGIATO 2020

Siamo alla 5edizione di “Muri e frontiere”, una rassegna nata come occasione per comprendere cosa significa per noi vivere alla frontiera, quale compito la storia ci sta affidando: “Cosa vuole dirci Dio” – per usare le parole del nostro Vescovo Francesco Montenegro – “attraverso queste persone che bussano alla nostra porta, porta dell’Europa? Quale storia vuole scrivere con noi oggi?”.

Questa domanda ha trovato risposte ogni volta ulteriori, in dialogo con il momento storico che stavamo vivendo. Risposte che si sono fatte scelte, passi nuovi, pezzi di strada condivisi, amicizia che allarga l’accoglienza.

Il momento che stiamo vivendo oggi è segnato dal COVID-19, che ha stravolto la vita di tutti, anche quella dei migranti, e ha inciso sulle politiche migratorie e sul sistema di accoglienza.

Stiamo tentando nuovi passi di “normalità” e cogliamo l’opportunità di tornare ad incontrarci. Ne approfittiamo subito! Sapendo che anche incontrarci è un’arte da imparare di nuovo.

Abbiamo l’opportunità di passare una serata insieme ma con una responsabilità che ci chiede precauzioni per custodire gli altri e ci pone dei limiti… Anche noi, pur di non rinunciare ad incontrarci, abbiamo accolto il limite di ridurre a una sola serata una rassegna da sempre pensata in tre tappe.

Una sola serata, non a caso il 19 giugno, vigilia della Giornata Mondiale del Rifugiato, per celebrare chi, già prima di noi, il dono della vita ha imparato a non darlo per scontato e a proteggerlo.

L’ambito migrazioni e integrazione di Caritas diocesana, il Circolo John Belushi, l’associazione Mediamondo, l’ANOLF di Agrigento, percorrono quotidianamente, in modo diverso, strade condivise con chi arriva da altre terre e quest’anno, una volta di più, vogliamo celebrare il percorso fatto insieme a tanti, e aprirci al futuro che ci chiama a camminare ancora più uniti e interdipendenti.

Il programma della serata prevede la proiezione del film “THE MILKY WAY. Nessuno si salva da solo”:di giorno, le montagne tra Clavière e Monginevro sono attraversate da migliaia di sciatori in vacanza sulla neve nel comprensorio sciistico “La Via Lattea”; di notte, sono percorse di nascosto tra i boschi da decine di migranti che lasciano l’Italia per proseguire il loro viaggio oltre il confine con la Francia.
“The Milky Way” è la storia di solidarietà degli abitanti e dei pericoli affrontati dai migranti, raccontata attraverso scorci di vita e graphic novel animate sullo sfondo del mondo di montagna nella consapevolezza che – qui come in mare – nessuno si salva da solo.

Durante la serata sarà con noi il produttore del film e, al termine della proiezione, potremo dialogare con lui e con il regista, collegato in diretta.

La serata è organizzata secondo le indicazioni di sicurezza stabilite dal protocollo per le proiezioni cinematografiche: all’ingresso saranno disponibili disinfettanti, si entrerà con mascherina, i posti saranno a distanza di sicurezza e, perciò, limitati.

Vi invitiamo a prenotare la vostra partecipazione attraverso la pagina Facebook di Caritas Agrigento o inviando una mail all’indirizzo: aaprigliano@caritasagrigento.it, specificando nome, cognome e un recapito telefonico. Si raccomanda di presentarsi all’ingresso di salita San Domenico 3 almeno15 minuti prima della proiezione: alle 21:00, con l’inizio del film, la porta verrà chiusa.