Ri-Connessi con il Creato

di Gaetano Lauricella

Riconnettersi con la Natura. Ecco l’invito che arriva dall’ONU per la Giornata Mondiale dell’Ambiente 2017 (WED – World Environment Day), ricorrenza che si celebra ogni anno il 5 giugno, data che ricorda la prima Conferenza delle Nazioni Unite sull’ambiente tenutasi a Stoccolma nel 1972. Proprio in quell’occasione venne adottata la Dichiarazione di Stoccolma, che definì i 26 principi sui diritti e le responsabilità dell’uomo in relazione alla natura. Da allora il percorso della comunità internazionale verso lo sviluppo di una maggiore sensibilità ambientalista ha fatto grandi passi avanti; fino all’ultima importante tappa, rappresentata dalla Conferenza Internazionale sul Clima, che nel 2015 ha riunito a Parigi 196 paesi per parlare di ambiente. L’emergente minaccia globale di un cambiamento climatico senza precedenti portò la conferenza a negoziare un accordo globale sulla massima cooperazione di tutti i paesi, al fine di ridurre notevolmente le emissioni dei gas a effetto serra. Un percorso considerato irreversibile e irrinunciabile, almeno fino a pochi giorni fa quando un annuncio del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha rimesso tutto in discussione: “Per mantenere il mio impegno solenne di proteggere i cittadini americani, gli Usa si ritireranno dall’accordo sul clima di Parigi”. Una decisione inattesa che rischia di sacrificare, sull’altare di uno sviluppo industriale senza scrupoli, gli enormi passi avanti compiuti negli ultimi decenni dalla comunità internazionale in ambito ecologico.

«L’agenda di Parigi sui cambiamenti climatici era stata accolta come un importante passo in avanti: ora i contenuti di quell’accordo vanno implementati. Non sarà una strada facile, ma può e deve essere percorsa». Queste le parole del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il quale, nel suo messaggio in occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente 2017, esorta tutti, governanti e semplici cittadini, a mettere in campo tutti gli sforzi possibili per affrontare una delle sfide più avvincenti del terzo millennio: il ripristino del giusto rapporto tra uomo e natura.

Ed è proprio questo il tema d’approfondimento del WED 2017: “Connecting People to Nature”, un invito a tutti gli abitanti della Terra a uscire all’aperto per apprezzare la bellezza della natura e comprendere pienamente la nostra profonda interconnessione con essa, sperimentando modi divertenti ed emozionanti per approfondire questa relazione vitale. E proprio per celebrare la “connessione” fra uomo e natura, come in un enorme social network naturalistico, ognuno potrà condividere le immagini delle bellezze naturali visitate tramite l’hashtag  #WithNature. Le foto più belle formeranno un enorme album fotografico della Terra che verrà esposto nella sede dell’ONU a New York.

Ma la Giornata Mondiale dell’Ambiente, quest’anno, ha un valore particolare anche per l’Italia, che tra qualche giorno ospiterà a Bologna il G7 sull’ambiente, un meeting intergovernativo tra i paesi più industrializzati del mondo. Sarà una settimana di lavori per decidere insieme il cammino da compiere per dare attuazione all’Agenda di Parigi sui cambiamenti climatici e all’Agenda 2030 sullo sviluppo sostenibile.

Una sfida aperta dunque, che coinvolge tutti noi (e non solo le istituzioni) nella costruzione di un futuro sostenibile per il pianeta. Perché come ci ricorda un tweet di Papa Francesco, proprio nella giornata dedicata all’ambiente: «Non dimentichiamo mai che l’ambiente è un bene collettivo, patrimonio di tutta l’umanità e responsabilità di tutti».